fbpx

Che cosa stai cercando?

La figura dei clown dottori

La figura dei clown dottori

La figura dei clown dottori

La clown terapia è una realtà nella quale l’Italia vede impegnate 4-5 mila persone (specialisti e volontari) associate a circa 200 associazioni. E i clown-dottori, quelli professionisti, non sono solo “buffoni” che portano la risata negli ospedali. In fondo, come sostiene Leonardo Spina, uno dei precursori della clownterapia in Italia, presidente della Federazione internazionale “Ridere per vivere”: «Meglio essere buffoni dottori, perché è triste, molto triste, quando invece il dottore è un buffone».

L’Italia è in prima linea negli studi sulla clownterapia. Nel 2005, un gruppo di ricercatori dell’ospedale pediatrico Meyer di Firenze ha dimostrato che è possibile ridurre del 50% la paura dei bambini sottoposti a interventi chirurgici grazie all’aiuto dei colwn. A Firenze, i clown professionisti dell’associazione “Soccorso clown”, che utilizzano i modelli di lavoro di Christensen, lavorano da 15 anni con i medici. Lo studio (di Laura Vagnoli, Simona Caprilli, Arianna Robiglio e Andrea Messeri) è stato pubblicato sulla famosa rivista statunitense Pediatrics.

Un’indagine condotta su 92 bambini operati ha dimostrato che la visita dei Clown Dottori della Federazione Internazionale Ridere per Vivere ha ridotto significativamente le complicanze postoperatorie e di un giorno il periodo di degenza. Nel 2001, la Fondazione Aldo Garavaglia Dottor Sorriso onlus di Milano ha studiato gli effetti della presenza dei clown su 343 bambini ricoverati nelle Pediatrie di tre ospedali lombardi, riscontrando effetti positivi sia su bambini che sui familiari. L’ho concluso. «Oggi è possibile asserire scientificamente che il lavoro dei clown dottori è molto efficace — aggiunge Spina — non solo per le comunità dei reparti ospedalieri, ma soprattutto nella riduzione del dolore, delle degenze e delle complicanze: è quindi utile persino per la diminuzione dei costi della sanità».