fbpx

Che cosa stai cercando?

“Unità Strambo”: Clown Dottori nell’emergenza

Introduzione

La figura del Clown Dottore Olistico ( clown sociosanitario) e del gelotologo nel sedimentarsi delle
esperienze hanno espresso una forte vocazione a rivestire un ruolo di ri-creatore delle comunità,
anche colpite da gravi sciagure.
A partire dal reparto ospedaliero, comunità nella comunità del nosocomio, queste nuova figure
professionali hanno dimostrato di avere ottime possibilità di azione positiva in contesti dove la
sofferenza è palese e forte.
Nel clown è insita la capacità di andare dritto alle emozioni primarie, al cuore delle persone. L’arte
“tocca”.
Nel clown dottore e nel gelotologo questa capacità diviene metodologia di lavoro, arricchendosi di
elementi provenienti dalla scienza e dalle discipline umanistiche.
Il risultato è la possibilità di inserirsi in contesti anche drammatici con responsabilità sociale,
equilibrio, leggerezza, poesia, comicità, fantasia, magia …
Elementi che mettono in grado le persone (di ogni età, condizione, cultura) di essere riconosciute
per quello che sono: persone umane , ascoltate, accudite e chiamate poi a reagire alla paura, ad
integrarsi, attivarsi, partecipare e vedere “lubrificate” le proprie relazioni, verso la creazione o la
ri-creazione della Comunità, temporanea o permanente .
Le esperienze maturate dal 2002 ad oggi, e non solo dalla scrivente, sono sufficienti a dare per
conclusa la fase della sperimentazione dell’azione “in missione” dei Clown Dottori.

A partire dalla missione “ UNA STRADA PER LA PACE – A PATCHWORK FOR PEACE “ in Afghanistan,
2002 e a seguire Capoverde 2004-2005, Orvieto 2006, Zagabria 2006, solo per citare gli “interventi
straordinari” della scrivente, le metodologie di intervento, le finalità, gli obbiettivi si sono affinati,
fino a portare al successo della missione “UN SORRISO DI SPERANZA” ed al conseguente “ Campo
del Gioco Moto” a l’Aquila nel 2009.
E’ maturo, così, un progetto organico per una organizzazione permanente in grado di fronteggiare
una eventuale, improvvisa, emergenza ed al tempo stesso in grado di intervenire positivamente
anche sulla seconda e la terza fase delle crisi.
Ce ne offre l’occasione la nostra adesione alla PRO.CIV. – ARCI, una organizzazione di Protezione
Civile accreditata che ci ha visto collaborare con successo in un dei Campi dell’Aquila.
Ce ne offre materia la professionalità maturata sul campo.
Finalità generali
– Supportare le popolazioni colpite da eventi catastrofici naturali o causati dall’uomo.
– Contrastare la paura.
– Inserire emozioni positive nei contesti dell’emergenza.
– Accompagnare le persone in contesti di crisi verso la riorganizzazione delle proprie
emozioni e sentimenti.
– Accompagnare le persone in contesti di crisi verso la riorganizzazione delle proprie
relazioni umane.
– Rispondere ai bisogni identitari di riconoscimento, e poi a quelli di integrazione,
socializzazione, ri-creazione della Comunità colpita. ( seconda-terza fase
dell’emergenza).

Obbiettivi specifici
– Creare una equipe internazionale permanente di Clown Dottori volontari pronta a
partire entro 36/48 ore l’evento catastrofico.
– Formare/aggiornare il personale che sarà impegnato.
– Creare protocolli di intervento diversificati.
– Creare una logistica in grado di sostenere interventi straordinari.

Destinatari
Le popolazioni in emergenza umanitaria, con particolare riguardo alle fasce deboli: bambini,
anziani, diversabili, donne).

Metodologia
……………..

Azioni di preparazione
………………

Azioni di intervento
………………..

Condivisione e Supervisione
La duplice condivisione dei luoghi-fatti-persone e dei propri vissuti emotivi è garanzia di salute
anche per l’equipe e per i singoli operatori .
A sera l’equipe riunita per circa un’ora per condividere la giornata e preparare la prossima.
Al ritorno del periodo trascorso nell’emergenza, l’equipe si incontrerà con il supervisore.
Personale – Le “Unità Strambo”
Saranno create 3 equipes di operatori, o “ Unità Strambo” in modo da far fronte, in modo congruo
ai primi 14-21 giorni dall’evento scatenante l’emergenza .
Se l’intervento avrà modo di proseguire nel tempo sarà creata un’apposita turnazione cui
potranno aderire tutti i clown dottori e volontari della Federazione.
Parteciperanno alle 3 equipes 7/8 unità:
– inizialmente 2 coordinatori-gelotologi ( a seguire 1)
– 6 Clown Dottori e Volontari del Sorriso ( questi ultimi non più di 2 per equipe).
Le caratteristiche dei coordinatori saranno:
– Esperienza pregressa di attività di coordinamento progetti
– Buona conoscenza di una lingua straniera
– Attitudine alle relazioni ( anche con Istituzioni, nell’ottica della rete)
Le caratteristiche dei componenti Clown Dottori e Volontari del Sorriso delle 3 Unità Strambo:
– Esperienza pregressa
– Buona conoscenza di una lingua straniera
– Esperienza continuata almeno annuale da Clown Dottore o Volontario del Sorriso.
– Capacità di gestire attività laboratoriali
– Esperienza di lavoro di integrazione culturale
Le Unità Strambo riceveranno una specifica formazione, anche differenziata rispetto ai ruoli ed alla
qualifica di partenza.

Logistica / Mezzi
……………….
3

Durata del progetto
Illimitata e permanente.